Risalendo dalle acque del Giordano di Giovanni Carrù

Nel settore settentrionale del comprensorio callistiano, si sviluppa una delle aree più antiche delle catacombe romane, riferibile, nella sua prima concezione, già nella seconda metà del ii secolo e definita con il toponimo di “cripte di Lucina”, per il fatto che – secondo la tradizione – una matrona di nome Lucina, con l’aiuto di alcuni presbiteri, raccolse le spoglie del pontefice Cornelio (251-253) per deporle in una cripta scavata nel suo praedium sulla via Appia.