Il recupero è stato reso possibile dal contributo della Pontificia Commissione di Archeologia Sacra, il cui segretario, Mons. Giovanni Carrù, ha saputo apprezzare e riconoscere l’importanza di un monumento fondamentale per studiare e comprendere la fede paleocristiana.