Da una parte un fronte del no sempre più compatto, “istituzionalizzato” e capace di sfruttare al meglio il web e i social media. Dall’altra un “vuoto comunicativo” da parte di chi promuove le opere da realizzare.