Il 2014 è stato segnato da un aumento delle compravendite immobiliari. Secondo gli ultimi dati, infatti, nel terzo trimestre del 2014 le compravendite sono aumentate del 3,7%. Segnali positivi anche sul fronte mutui. Come previsto da Roberto Carlino, Presidente di Immobildream, il mercato immobiliare è in ripresa.

Dati incoraggianti per il mercato immobiliare secondo l’ultimo rapporto Istat. Nel terzo trimestre del 2014, infatti, le compravendite immobiliari sono aumentate del 3,7%. La ripresa del mercato immobiliare era sostenuta da tempo da Roberto Carlino, Presidente di Immobildream.Carlino infatti affermava che il mercato immobiliare si sarebbe ripreso e che già c’erano dati incoraggianti in questo senso.

La ripresa ha riguardato tutte le aree geografiche, con valori sopra la media al Centro (+5,2%), Nord-Est (+4,5%) e nelle Isole (+3,9%). A prescindere dall’area geografica, a fare da traino sono i grandi centri. A conferma di quanto previsto dal Presidente di Immobildream, gli archivi notarili con sede nelle città metropolitane sono infatti i principali beneficiari dei segnali positivi provenienti dal mercato delle compravendite immobiliari. Si segnalano, in particolare, gli aumenti di Milano (+6,8 per cento) e Roma (+11,8 per cento).

Segnali positivi anche per i mutui, le erogazioni sono infatti aumentate del 10%. Sul fronte mutui una notivà del 2014 è stata il Fondo di Garanzia per i mutui per la prima casa. Roberto Carlino, ci spiega di cosa si tratta: “E’ stato recentemente adottato il Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze che disciplina il Fondo di Garanzia “prima casa”, istituito dalla legge di Stabilità 2014 con una dotazione pari a 200 milioni di euro all’anno per tre anni (2014-2016), per la concessione della garanzia dello Stato sui mutui ipotecari, di importo non superiore a 250 mila euro, accesi per l’acquisto, la ristrutturazione e l’efficientamento energetico dell’abitazione principale. La garanzia del Fondo – continua il Presidente diImmobildream – è concessa nella misura del 50% della quota capitale, dando la precedenza a giovani coppie e precari under 35.”

FONTE: Daily Focus